Il Nocillo detto anche Nocino oppure o’ Nucille, è un liquore bruno della cosiddetta famiglia dei ratafià, che comprendono gli infusi a base di frutta fresca e alcool.

Le noci utilizzate per la sua produzione, vengono rigorosamente raccolte a cavallo del solstizio d’estate, quando la noce è ancora acerba e il gheriglio non si è ancora formato. In questo momento la parte interna della noce appare gelatinosa ma ha raggiunto il cosiddetto tempo balsamico, ovvero il momento in cui il frutto esprime al meglio le sue essenze e in particolare i tannini, che conferiscono al nocino il suo caratteristico aroma. Alla noce vengono riconosciute proprietà astringenti, antisettiche, cicatrizzanti, depurative, digestive, detergenti, toniche, ipoglicemizzanti, vermifughe, per questo è considerato una medicina in quanto utilizzato per dolori di stomaco soprattutto dopo un’abbondante scorpacciata.

Vuoi farti promuovere su Visit Campania?

Il Nocillo napoletano e il solstizio d’estate

Si dice che il periodo tra il 21 e il 24 giugno sia quello migliore per cogliere piante officinali ossia quelle che vengono usate a scopi farmaceutici, come la melissa o l’iperico, detta anche, guarda caso, “erba di San Giovanni”. Non solo le erbe ma anche le noci verdi in quanto, a questo punto della maturazione, contengono una percentuale di oli essenziali molto elevata tali da garantire la produzione di un liquore dalle forti doti curative, il nocillo, anche detto nocino.
Nell’antichità, il solstizio era ritenuto da molte civiltà un momento di grande connessione con l’elemento divino, poiché si pensava che la grande quantità di Luce fosse una diretta manifestazione degli dei. Non è un caso che il Cristianesimo abbia dedicato questo giorno alla natività di San Giovanni Battista, il predicatore che battezzò Gesù. Si narra che in questa notte, le noci bagnate dalla rugiada di San Giovanni che guarisce tutti i mali, avessero funzioni farmacologiche e che chiunque si bagnasse con la rugiada durante questa magica notte era in grado di difendersi da ogni tipo di corruzione.

Ricetta del Nocino fatto in casa

Per preparare in casa il Nocillo napoletanto, è necessario procurarsi questi oggetti e ingredienti:

  • 1 barattolo di vetro con tappo senza guarnizioni
  • 1 sistema di filtrazione
  • 1 litro di Alcool buongusto
  • 700-900 grammi di zucchero
  • 33 noci con mallo prive di qualsiasi trattamento fitosanitario
  • q.b.chiodi di garofano e cannella

Liquore Nocino, la preparazione

  • lavare ed asciugare ben bene le noci con un canovaccio pulito
  • tagliare le noci in 4 parti e riporle in un barattolo di vetro privo di guarnizioni
  • ricoprire con zucchero
  • chiudere il barattolo e riporlo al sole per 1-2 giorni mescolando periodicamente
  • aggiungere alcool e spezie
  • riporre il barattolo alla luce parziale del sole per 60 giorni rimescolando periodicamente
  • trascorso il periodo di infusione, filtrare ed imbottigliare
  • consumare il prodotto entro e non oltre 12-14 mesi dall’imbottigliamento

Cocktail Negroncino con Nocillo

Il Nocillo, considerato come il digestivo ideale, viene usualmente consumato a fine pasto, solitamente accompagnato con dei biscottini secchi. Ovviamente questa scelta è ottima per l’ inverno e per i mesi con temperature tiepide, ma d’estate quale potrebbe essere l’alternativa ideale?

Il nocino grazie alla sua nota amara e particolarmente aromatica, si è guadagnato spazio nel mondo della mixology. Questo liquore tradizionale nel tempo è divenuto l’ingrediente sostitutivo del bitter per la preparazione del Negroni, che in questo caso prende il nome più conosciuto di Negroncino. Il cocktail si ottiene miscelando in parti uguali gin, vermouth  ed appunto il nocillo con tanto ghiaccio. 

Ecco cosa occorre per la preparazione di questo cocktail alternativo:

  • ghiaccio
  • 30 mL di nocillo
  • 30 mL di Vermouth rosso
  • 30 mL di gin
  • scorza di arancia

Procedimento:

In un tumbler basso, che sarebbe un bicchiere di forma cilindrica/tronco-conica leggermente svasata, inserire del ghiaccio, successivamente versare tutti gli ingredienti seguendo l’ordine sopracitato. Mescolare ed aggiungere una scorza di arancia. Consiglio di consumare questo long drink prima della cena, poiché ha lo stesso colore intenso del tramonto, accompagnato da olive verdi e ciccioli croccanti, dal sapore forte, peculiare e ricco di grassi, che come il nocino, sono certamente definiti  un cibo della tradizione campana. Buona degustazione!

Leggi anche: Coniglio all’ischitana secondo tradizione e I piatti tipici campani

Cerchi un copywriter SEO expert?

Fortuna Nuzzo