La Mozzarella di bufala campana Dop, il prosciutto toscano Dop, il Pecorino toscano Dop, e la Finocchiona Igp hanno stretto un’alleanza tra i rispettivi Consorzi di tutela, allo scopo di valorizzare le eccellenze dei due territori italiani.

A seguito dell’accordo, il 13 novembre si è tenuto un percorso guidato nella sede del Consorzio di tutela della Mozzarella di bufala campana Dop, sito all’interno della Reggia di Caserta, che ha illustrato gli aspetti produttivi e le molteplici caratteristiche nutrizionali dei quattro prodotti, i “moschettieri del gusto”.

Una master class per suggellare l’Alleanza tra la Mozzarella di bufala campana Dop e le tre eccellenze toscane

La master class è stata curata da Andrea Righini, Emore Magni, Francesco Seghi e Pier Maria Saccani, rispettivi direttori dei consorzi di tutela coinvolti.

L’alleanza tra la Campania e la Toscana del gusto nasce con l’intento di favorire una conoscenza più approfondita del sistema delle Dop e Igp, che si avvale di filiere certificate a livello europeo. Un patto che creerà nuovo spazio ai racconti dei territori di origine.
Questo il messaggio lanciato da Pier Maria Saccani, direttore del Consorzio Mozzarella di bufala campana Dop, parole che auspicano un lavoro di gruppo destinato a continuare nel tempo, nel nome della qualità, ma anche della tradizione.

I Consorzi di tutela garantiscono la qualità dei prodotti d’eccellenza che rappresentano, oltre ad essere custodi di retaggi culturali he va difeso, valorizzato e tramandato. Storie che creeranno nuova crescita e sviluppo, il messaggio di Andrea Righini, direttore del consorzio tutela Pecorino toscano Dop.
Francesco Seghe, direttore del Consorzio tutela Finocchiona Igp invece ha puntato lo sguardo all’innovazione, con la sfida di proporre sempre nuovi modi di valorizzare e consumare i prodotti di eccellenza non solo nella ristorazione, ma anche tra i fornelli di casa. Infine Emore Magni, direttore del Consorzio di tutela del Prosciutto toscano Dop, ha parlato dell’importanza della diffusione delle informazioni e della tracciabilità del prodotto, elementi che agevolano le scelte consapevoli da parte del consumatore.

L’incontro tra Mozzarella di bufala campana Dop e i tre Consorzi di tutela dei prodotti toscani Dop e Igp, è stato suggellato dalle combinazioni gourmet a cura dello chef Daddio della scuola di cucina Dolce&Salato di Maddaloni, e da Ornella Buzzone, titolare di Public House Caserta.

Le proposte di Daddio che coniugano i quattro prodotti: Risotto con Prosciutto Toscano Dop, mandorle tostate e spuma di latte di bufala, e Bucatini cacio e pepe con Pecorino Toscano Dop.

Mentre la Buzzone ha proposto due panini gourmet: l’Alleanza, con Finocchiona IGP, Mozzarella di Bufala DOP, cime di rapa saltate, granella di nocciole, maionese homemade alle nocciole. E l’Unione, con hamburger di bovino adulto, Prosciutto Toscano DOP, confettura di mirtillo, fonduta di Pecorino Toscano DOP, scarola riccia a crudo.

Ti potrebbe anche interessare:10 cose da vedere a Caserta, e Ristoranti vicino alla Reggia di Caserta

Valeria D'Esposito

Valeria D'Esposito

Orafa per vocazione e Turista per passione con un forte attaccamento alla mia terra d'origine, scrivo di gioielli su magazine di settore, sul mio blog personale Pizzo cipria e Bouquet e lavoro come smm e web writer freelance. Non mi stanco mai di esplorare la Campania.
Valeria D'Esposito