Entrare da Lombardi 1892 a Via Foria è un po’ come andare indietro nel passato.

Siamo in una pizzeria storica di Napoli, una delle centenarie che fin dai tempi più lontani ha proposto anche ristorazione napoletana tradizionale, e che come locale senza dubbio può essere annoverato come uno dei capisaldi della trama gastronomica della città.

Il ristorante pizzeria Lombardi 1892 ha mantenuto il suo spazio quasi immutato, uno stile modesto e all’insegna della semplicità, che nel tempo lo ha caratterizzato. Le pareti all’interno del locale sono decorate da tanti ricordi: foto di famiglia che testimoniano l’evoluzione nel tempo, i tanti articoli giornalistici raccolti con orgoglio che fanno bella mostra di sé nelle loro belle cornici, e i momenti importanti che meglio raccontano le tante soddisfazioni di una famiglia da sempre conosciuta per la profonda dedizione al lavoro.

Lo stabile che accoglie il locale dispone di 4 sale interne distribuite su 3 livelli, più una sala esterna che da sulla strada. In totale, con la recente riduzione dei posti causa nuove disposizioni vigenti, conta al momento 100 posti a sedere.

La posizione è ottima, molto comoda per i napoletani, ma anche per chi viene da fuori, trovandosi a 200 MT circa dalla stazione metropolitana Piazza Cavour di Napoli. Lungo la strada che porta da Lombardi 1892 inoltre, vi sono diversi parcheggi custoditi a breve e a lunga sosta

Scrivimi oppure chiedi la password

Ristorante Pizzeria Lombardi 1892 a Via Foria, Napoli

La famiglia Lombardi ha iniziato la sua attività nel lontano 1892, ma è nel 1947 che è avvenuto il grande cambiamento, come raccontano Enrico e Carlo Alberto Lombardi.

In quell’epoca così difficile per tutti ebbe inizio un secondo capitolo della storia di famiglia, un capitolo che prosegue fino ai nostri giorni. Proprio negli anni che seguirono la seconda guerra mondiale infatti, nel locale avvenne una vera e propria rivoluzione, in quanto Lombardi 1892 fu tra le prime imprese a Napoli ad affiancare la ristorazione alla pizzeria.

Le due attività furono all’epoca integrate per segnare un nuovo punto di partenza per la famiglia. Lo stesso punto di partenza che è servito oggi a dare l’ispirazione alle nuove leve per ripartire dopo il grande stop affrontato negli ultimi mesi.

lombardi 1892 visit campania

I nonni di Enrico e Carlo Alberto, i cugini Lombardi che oggi sono al timone del locale, hanno vissuto la guerra ma non hanno mai mollato l’impresa di famiglia. Oggi tocca ai nipoti ripetere la storia, che hanno unito le forze e messo in atto con caparbietà idee e ispirazioni per portare avanti la loro attività senza farsi schiacciare dalle avversità incontrate lungo la strada.

Da qui la voglia di rafforzare l’idea dell’unione tra ristorante e pizzeria con l’intento di rendere viva la tradizione, aggiungendo al progetto un’operazione social dedicata appunto alla loro storia, come a voler prendere spunto, e rinnovare con orgoglio quell’insegnamento tramandato. In questi mesi di lockdown e ripartenza attraverso foto e racconti hanno condiviso con chi li ha seguiti da casa storie e piatti che hanno fatto scuola nel mondo della ristorazione e della pizzeria napoletana.

il Tianiello di Lombardi 1892

Il Tianiello

Una vocazione viscerale, tramandata di padre in figlio, rivive da Lombardi 1892 con la quinta generazione della famiglia. 

L’appuntamento inizia dunque in cucina, con un piatto di mare che racconta anche la storia dei pescatori di Santa Lucia e che è uno dei piatti di punta dell’attività: il Tianiello.

Questa pietanza intrisa di echi della tradizione partenopea altro non è che un piatto di mare che mette nel cesto di metallo, chiamato appunto tianiello, una serie di squisitezza di mare cotte e servite insieme a croccanti tocchetti di pane fritto.

Cozze, vongole, lupini, fasolari, taratufi, calamari, polpo, gamberetti e gamberoni vanno a comporre una sinfonia di sapori che parla di Napoli e dell’identità di un ristorante storico che continua negli anni ad essere un simbolo per la città.

Ristorante Pizzeria Lombardi 1892, Via Foria, Napoli

Valeria D'Esposito